Lettera 1

ock-media-text alignwide is-stacked-on-mobile”>
lettera 1 26 genn. 55

[1]

Sebastiano Gandolfi al Duca di Parma

(26 gennaio 1555)

[ASParma, Carteggio farnesiano e borbonico estero, 437 [Roma, 1555], 19]

[19r] Ill.mo et Ecc.mo S.or mio Oss.mo

Del negotio che V. Ecc. mi scrive non ho havuta mai commissione alcuna, che l’havrei servita con quella fede et amore che fo il mio cardinale, che più non potrei, tenendo io lei non manco per Idolo mio che tengo sua .S. Rev.ma Son andato subito a conferire il caso con uno de la penitentiaria pratichissimo di simili materie, et mi ha detto che si potrà impetrare questa gratia, ma[1] che non si farà la espeditione con manco di trenta ducati di cammera, de’ quali venticinque se n’haveranno a dare al Datario, et il resto a gli officiali de la penitentiaria. Hora V. Ecc.a commandi quel che vuol che si facci. Et humilmente le bacio le mani. Da Roma. Alli XXVI di gen.ro del LV.

Di V. Ecc.

Humiliss.o et perpetuo servo

         Sebastiano Gandolfi

[20v] All’Ill.mo et Ecc.mo S.r mio Oss.mo | Il S.r Duca di Parma et Piac.a

[1] ma: preceduto da che, depennato.

[1]

Sebastiano Gandolfi al Duca di Parma

(26 gennaio 1555)

[ASParma, Carteggio farnesiano e borbonico estero, 437 [Roma, 1555], 19]

[19r] Ill.mo et Ecc.mo S.or mio Oss.mo

Del negotio che V. Ecc. mi scrive non ho havuta mai commissione alcuna, che l’havrei servita con quella fede et amore che fo il mio cardinale, che più non potrei, tenendo io lei non manco per Idolo mio che tengo sua .S. Rev.ma Son andato subito a conferire il caso con uno de la penitentiaria pratichissimo di simili materie, et mi ha detto che si potrà impetrare questa gratia, ma[1] che non si farà la espeditione con manco di trenta ducati di cammera, de’ quali venticinque se n’haveranno a dare al Datario, et il resto a gli officiali de la penitentiaria. Hora V. Ecc.a commandi quel che vuol che si facci. Et humilmente le bacio le mani. Da Roma. Alli XXVI di gen.ro del LV.

Di V. Ecc.

Humiliss.o et perpetuo servo

         Sebastiano Gandolfi

[20v] All’Ill.mo et Ecc.mo S.r mio Oss.mo | Il S.r Duca di Parma et Piac.a

[1] ma: preceduto da che, depennato.

Lettera 2

Lettera 2

[2] Sebastiano Gandolfi al Duca di Parma (2 febbraio 1555) [ASParma, Carteggio farnesiano e borbonico estero, 437 [Roma, 1555], 31r-32v] [31r] Ill.mo […]